Inizio navigazione principale

Fine navigazione principale


Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



L'UFAS pubblica uno studio sulla situazione economica delle famiglie monoparentali

Berna, 26.01.2012 - Le famiglie monoparentali sono particolarmente esposte al rischio della precarietà economica. Soprattutto le madri sole dispongono spesso di un reddito molto modesto. È quanto risulta da uno studio commissionato dall'Ufficio federale delle assicurazioni sociali UFAS.

Già in passato diversi studi avevano individuato nelle famiglie monoparentali le economie domestiche maggiormente esposte al rischio della precarietà economica, ma perlopiù senza differenziazioni interne alla categoria. Un'analisi dei dati fiscali del 2006 del Cantone di Berna ha ora permesso di studiare in modo più approfondito la situazione dei genitori soli, ossia delle persone non sposate che vivono sole con i propri figli. Dei circa 20 000 contribuenti non sposati con figli minorenni, circa 11 000 erano genitori soli, mentre 9000 convivevano con un/una partner.

I risultati dell'analisi confermano che le famiglie monoparentali e soprattutto le madri con più figli vivono spesso in condizioni economiche precarie. A titolo di confronto, mentre sul totale delle economie domestiche senza figli il 10 per cento dispone di un reddito molto modesto, la stessa quota sale al 16 per cento nel caso dei padri soli e addirittura al 30 per cento per le madri sole. Secondo la definizione dello studio, il reddito di un'economia domestica è molto modesto se ammonta a meno della metà del reddito mediano equivalente di tutti i contribuenti (il reddito equivalente permette di confrontare economie domestiche di dimensioni diverse: a tal fine, il reddito totale del nucleo familiare viene diviso per un coefficiente stabilito in funzione del numero dei suoi membri).

Rispetto alle donne sole ma anche ai padri soli, le madri sole hanno più spesso un basso reddito da lavoro e dispongono di pochissime riserve: la metà delle madri sole dichiara infatti una sostanza inferiore ai 4500 franchi. Per esse, i contributi di mantenimento sono pertanto importantissimi. Senza questi versamenti, la percentuale delle madri sole con un reddito molto modesto raddoppierebbe.

Il ruolo fondamentale del reddito da lavoro dimostra quanto sia importante per i genitori soli poter conciliare la famiglia e l'attività professionale. Lo studio evidenzia inoltre la forte incidenza dei contributi di mantenimento sulla situazione economica delle famiglie monoparentali, confermando così l'importanza dell'anticipo degli alimenti e dell'aiuto all'incasso quali strumenti di politica sociale.

Indirizzo cui rivolgere domande:

031 322 90 76
Ludwig Gärtner, vicedirettore
Responsabile dell’Ambito Famiglia, generazioni e società

Pubblicato da

Ufficio federale delle assicurazioni sociali
Internet: http://www.ufas.admin.ch


http://www.bsv.admin.ch/aktuell/medien/00120/index.html?lang=it