Ufficio federale delle assicurazioni sociali UFAS

Inizio selezione lingua



Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore

Ricerca a testo integrale



Comunicati stampa fino al 2005

Ritornare alla pagina precedente

Comunicato stampa 14 novembre 2001

Previdenza professionale: diritto di azionista esercitato dagli istituti di previdenza

Il Consiglio federale ha proceduto ad una modifica dell’ordinanza sulla previden-za professionale per la vecchiaia, i superstiti e l’invalidità, che imporrà agli istituti di previdenza di definire le regole che esse intendono applicare nell’esercizio del proprio diritto di azionista. La modifica entrerà in vigore il 1° gennaio 2002.

Gli istituti di previdenza devono garantire in ogni momento il mantenimento degli impe-gni presi, vale a dire il compito di previdenza loro assegnato. In quest’ambito sono loro stessi a darsi un sistema di finanziamento che si basa in particolare sul reddito da patri-monio. I diritti di cui questi dispongono in quanto azionisti, unitamente all’esercizio di tale diritto, costituiscono quindi una parte preponderante nel finanziamento della previ-denza professionale. 

Un’inchiesta sugli investimenti delle casse pensioni fatta tra il 1998 e il 2000 sottolinea che più del 50 percento degli istituti di previdenza non esercita il proprio diritto di voto in nessun caso. Solo il 5 percento vota in modo sistematico durante le assemblee gene-rali, mentre i rimanenti votano solo sporadicamente, a seconda dei casi.

Volendo rimediare a questa situazione il Consiglio federale ha modificato l’Ordinanza sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l’invalidità in modo che gli istituti di previdenza siano tenuti a stabilire, all’interno dei propri statuti e regolamenti, norme sul modo in cui intendono esercitare il proprio diritto di azionista. Le decisioni di voto dovranno essere prese dai membri del massimo organo dell’istituto, nel rispetto del principio della parità. Viste le numerose difficoltà che ciò solleverebbe, il Consiglio federale ha rinunciato ad introdurre criteri sociali e/o ecologici nell’esercizio del diritto di voto. Dovendo parlare di criteri dipendenti da fattori quali il tipo d’istituto, le sue dimensioni od il numero dei propri assicurati, diventa praticamente impossibile stabilire dei parametri comuni o globali.

 

Dipartimento federale dell’interno
Servizio stampa e informazione

 

Informazioni:

tel. 031/322 91 86
Erika Schnyder, caposezione
Sezione diritto e legislazione
Divisione previdenza professionale
Ufficio federale delle assicurazioni sociali

 

Allegati : ordinanze e commenti

 

 

Ritornare alla pagina precedente

Ultimo aggiornamento: 14.12.2006

Fine zona contenuto



Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS)
Contatto | Basi legali
http://www.bsv.admin.ch/dokumentation/medieninformationen/archiv/index.html?lang=it