Ufficio federale delle assicurazioni sociali UFAS

Inizio selezione lingua



Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore

Ricerca a testo integrale



Comunicati stampa fino al 2005

Ritornare alla pagina precedente

Comunicato stampa 23 febbraio 2005

Nuova revisione AVS: due messaggi entro l'autunno

Nel quadro di una discussione su una nuova revisione AVS il Consiglio federale ha incaricato il Dipartimento federale dell'interno di presentargli due messaggi: uno sulla revisione delle prestazioni e l'altro sull'adozione di misure volte a migliorare l'attuazione dell'AVS da un punto di vista tecnico. Il Consiglio federale prevede di presentare al Parlamento entrambi i messaggi nell'autunno 2005 dopo un'ulteriore discussione. I punti essenziali della revisione delle prestazioni discussi dall'Esecutivo sono i seguenti:

  • pensionamento a 65 anni per uomini e donne a partire dal 1° gennaio 2009,

  • introduzione di una rendita transitoria per determinate categorie di persone a partire dal 1° gennaio 2009,

  • soppressione della rendita per vedove per le donne che non hanno figli,

  • adeguamento al rincaro delle rendite AVS/AI a partire da una certa soglia di rincaro e non più a scadenze regolari. 

Dal canto suo, la revisione "tecnica" riprende dall'11a revisione AVS, respinta in occasione della votazione popolare del maggio 2004, misure incontestate tese a migliorare l'attuazione dell'AVS. Una revisione generale volta a garantire all'AVS una base di finanziamento a lungo termine (fino al 2020) verrà sottoposta al Parlamento nel 2008 o 2009. Questo modo di procedere (presentazione a tappe di più pacchetti di revisione) rispecchia le decisioni prese dal Consiglio federale nel giugno 2004.

Dopo il rifiuto dell'11a revisione AVS e del progetto che prevedeva l'aumento dell'imposta sul valore aggiunto a favore dell'AVS e dell'AI, la Commissione federale per l'AVS/AI ha svolto lavori fondamentali e preparatori approfonditi in vista di una nuova revisione AVS. Inoltre, il Dipartimento federale dell'interno (DFI) ha consultato i partiti, le associazioni e le organizzazioni più importanti in merito all'indirizzo da dare alla revisione. I risultati delle audizioni hanno confermato quanto già avanzato dal Consiglio federale nella discussione del 30 giugno 2004 ("Panoramica delle assicurazioni sociali"), ovvero che è necessario procedere a tappe se si vogliono raggiungere gli obiettivi perseguiti nell'ambito dell'AVS.

Di fronte alle prospettive di finanziamento dell'AVS, nel 2008 o nel 2009 si dovrà sottoporre al Parlamento una revisione generale che preveda una base di finanziamento a lungo termine dell'AVS (fino al 2020). Tra i temi centrali di questa revisione vi saranno l'età di pensionamento, l'esame sostanziale del meccanismo d'adeguamento al rincaro delle rendite AVS/AI e il finanziamento aggiuntivo. Tuttavia, prima di trattare questi punti è necessario allineare l'età di pensionamento delle donne a quella degli uomini e migliorare alcuni aspetti tecnici in materia d'attuazione. Il Consiglio federale prevede dunque di presentare alle Camere un primo pacchetto di revisione nell'autunno 2005. Anche le audizioni hanno dimostrato che si tende a giudicare una riforma parziale rapida in modo positivo. Il pacchetto di revisione contiene due messaggi: uno sulla revisione delle prestazioni e l'altro sull'adozione di misure volte a migliorare l'attuazione dell'AVS da un punto di vista tecnico.

Messaggio sulla revisione delle prestazioni 

In occasione della sua discussione, il Consiglio federale ha trattato diversi punti che potrebbero essere oggetto di revisione nel settore delle prestazioni AVS e andrebbero ulteriormente esaminati. Tra le misure vagliate vi è il pensionamento a 65 anni sia per gli uomini che per le donne a partire dall'1.1.2009. È inoltre in discussione l'introduzione di un'età di pensionamento flessibile con rendite transitorie, che dovranno essere quanto più efficaci sul piano della politica sociale ed essere destinate solo ad un gruppo ben definito di assicurati; si pensi in particolare alle persone senza lavoro che hanno esaurito il loro diritto alle indennità di disoccupazione e hanno raggiunto una certa età. Le rendite transitorie non sarebbero finanziate con contributi salariali, bensì dall'ente pubblico; i risparmi realizzati nel quadro dell'AVS permetterebbero di coprire interamente le spese. Aumentando l'età di pensionamento delle donne a 65 anni, a partire dal 2009 si risparmierebbero ogni anno 555 milioni di franchi, mentre per le rendite transitorie si prevedono costi per circa 400 milioni di franchi.

Dopo il rifiuto delle restrizioni concernenti la rendita per vedove, contenute nell'11a revisione AVS, è ora valutato un disciplinamento meno incisivo: la rendita vedovile sarebbe infatti soppressa per le donne che non hanno avuto figli. Il provvedimento garantirebbe un risparmio annuo di 124 milioni di franchi.

Il Consiglio federale ha infine discusso un nuovo modello per l'adeguamento delle rendite AVS/AI all'evoluzione dei prezzi e dei salari, che non avverrebbe più a scadenza regolare di due anni, ma in base ad una soglia di rincaro. Questo significa che le rendite verrebbero adeguate solo se l'evoluzione dei prezzi avrà superato un certo valore percentuale. Se questo valore fosse fissato per esempio al quattro per cento, l'AVS e l'AI risparmierebbero rispettivamente 240 e 55 milioni di franchi. La questione dell'adeguamento delle rendite verrà comunque esaminata in modo più dettagliato in occasione della prossima revisione generale dell'AVS.

Messaggio concernente il miglioramento dell'attuazione dell'AVS 

L'11a revisione AVS conteneva una serie di provvedimenti, non contestati e senza notevoli conseguenze sui costi, volti a migliorare l'attuazione dell'AVS. Tra questi vi erano la soppressione della franchigia per le persone in età AVS esercitanti un'attività lucrativa combinata con un miglioramento delle loro rendite o la rivalutazione annua dei redditi in base ai quali si calcola la rendita. Inoltre sono necessari anche certi adeguamenti alla giurisprudenza più recente del Tribunale federale ed agli sviluppi in ambito internazionale. Non era contestato nemmeno il provvedimento che prevedeva di ridurre dal 100 al 70 per cento delle uscite annuali la copertura minima del Fondo di compensazione AVS. Il Consiglio federale prevede di sottoporre nuovamente al Parlamento questi provvedimenti previsti dall'11a revisione AVS riunendoli in un progetto separato.

Ripercussioni finanziarie sull'AVS degli adeguamenti discussi (base: 2007; in funzione dei prezzi 2004, in milioni di franchi l'anno)
Riduzione delle uscite    
Armonizzazione dell’età di pensionamento a 65 anni (dal 2009) -555  
Modifica del meccanismo di adeguamento delle rendite AVS/AI all’evoluzione dei prezzi e dei salari (soglia di rincaro 4%) -240  
Soppressione della rendita per vedove per le donne senza figli -124 - 919
     
Spese supplementari    
Rendite transitorie (dal 2009) 400 400
     
Sgravio complessivo   - 519

DIPARTIMENTO FEDERALE DELL'INTERNO
Servizio stampa e informazione

 
Informazioni: 

031 322 46 40 
Yves Rossier, direttore 
Ufficio federale delle assicurazioni sociali

 

Ritornare alla pagina precedente

Ultimo aggiornamento: 14.12.2006

Fine zona contenuto



Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS)
Contatto | Basi legali
http://www.bsv.admin.ch/dokumentation/medieninformationen/archiv/index.html?lang=it