Coronavirus: misure dell’assicurazione invalidità

Al fine di contenere la diffusione del coronavirus, il Consiglio federale ha ordinato provvedimenti per la protezione della popolazione. Diversi di questi provvedimenti hanno ripercussioni anche sulle prestazioni e sulle procedure dell’assicurazione invalidità (AI).

L’Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS) si adopera per fornire rapidamente informazioni e soluzioni pragmatiche ai problemi sorti in questo contesto. Per principio, queste regolamentazioni si applicano per l’intera durata della situazione straordinaria. Se del caso, tuttavia, l’UFAS le adegua alle nuove prescrizioni del Consiglio federale o alle nuove valutazioni della situazione.

Per altre questioni generali cui non è data una risposta esaustiva di seguito ci si può rivolgere all’UFAS mediante l’apposito modulo. Per domande relative ai singoli casi, ad esempio il proprio incarto, occorre invece rivolgersi all’ufficio AI competente. Gli indirizzi degli uffici AI possono essere consultati sul sito Internet.

Termini

Termini per le opposizioni contro decisioni dell’AI e per le procedure giudiziarie

Le decisioni del Consiglio federale del 20 marzo 2020 comportano tra l’altro la sospensione dei termini applicabili alle procedure dell’AI stabiliti dalla legge, dalle autorità amministrative e da quelle giudiziarie per il periodo dal 21 marzo al 19 aprile 2020. Nel caso di una scadenza espressa in giorni (p. es. 30 giorni per un’opposizione), questo significa che i giorni dal 21 marzo al 19 aprile non contano.

Termini per le perizie mediche

Gli ospedali, le cliniche e gli studi medici non possono effettuare terapie e interventi medici non urgenti. Per questo motivo l’AI ha temporaneamente sospeso lo svolgimento delle perizie mediche. Tutti gli appuntamenti previsti fino al 19 aprile sono stati annullati. L’UFAS e gli uffici AI hanno informato i periti e gli assicurati interessati, i quali non devono fare niente e saranno contattati a tempo debito per un nuovo appuntamento. Se la perizia medica è già stata svolta, i centri peritali devono continuare a trattare il caso come di consueto e fornire il proprio parere agli uffici AI entro il termine fissato inizialmente.

Accertamenti medici e perizie

Rapporti di medici e ospedali

Si applicano le regole abituali.

Perizie mediche

Per questo motivo l’AI aveva temporaneamente sospeso lo svolgimento delle perizie mediche fino al 19 aprile 2020.

Si applicano le regole abituali.

Accertamento di infermità congenite

Certe infermità congenite vengono prese a carico dall’AI soltanto se sono state accertate entro una determinata età. Se l’accertamento non è stato possibile entro quel momento, l’obbligo di versare prestazioni dell’AI può essere riconosciuto anche dopo il superamento del limite d’età, qualora il ritardo sia riconducibile alla situazione straordinaria. Questo principio concerne determinate malformazioni mascellari (infermità congenita n. 208), malattie mentali (infermità congenite n. 404–406) e difetti del metabolismo (infermità congenita n. 467).

Interventi medici e terapie

Interventi di chirurgia maxillo-facciale e di ortodonzia

Gli ospedali nonché i chirurghi maxillo-facciali e gli ortodontisti indipendenti sono costretti, a causa della crisi del coronavirus, a limitare al minimo indispensabile le proprie attività. Soprattutto gli interventi maxillo-facciali stazionari sono effettuati normalmente solo poco prima che la persona assicurata compia i 20 anni. Poiché per i provvedimenti sanitari l’AI è tenuta alla presa a carico soltanto fino al compimento del 20° anno di età, per il periodo della situazione straordinaria proclamata dal Consiglio federale vale quanto segue: tutte le prestazioni di questo tipo che a causa dei provvedimenti d’urgenza della Confederazione non hanno potuto esssere fornite alla persona assicurata prima che compisse i 20 anni dovranno esserlo entro il 31 ottobre.

Psicoterapia e neuropsicologia

Si applicano con effetto immediato le regole abituali.

Fisioterapia ed ergoterapia

Si applicano con effetto immediato le regole abituali.

Mezzi di protezione contro il contagio

Il materiale di consumo utilizzato per proteggersi dal contagio con il coronavirus, quali le mascherine di protezione o il disinfettante, può essere fatturato all’AI al prezzo d’acquisto fino al 31 ottobre 2020. Questo vale per tutti i fornitori di prestazioni mediche che eseguono trattamenti sulla base di una decisione dell’AI. Gli assicurati, i loro genitori e le altre persone di riferimento non possono invece chiedere all’AI il rimborso di tale materiale di protezione acquistato autonomamente.

Provvedimenti d’integrazione e mezzi ausiliari

Provvedimenti d’integrazione e indennità giornaliere

A partire dal 1° luglio 2021, la legge vigente si applicherà nuovamente all'integrazione professionale.

I seguenti punti devono essere presi in considerazione:

Fintanto che le istituzioni e le imprese non vengono chiuse dalle autorità cantonali o dal Consiglio federale, si può presumere che i fornitori di prestazioni e gli agenti esecutori diprovvedimenti di integrazione professionale continueranno a fornirli.

Le persone assicurate che al 1° luglio 2021 ricevono ancora un'indennità giornaliera di attesa “straordinaria" prima dei provvedimenti di reinserimento o di un lavoro a titolo di prova, continueranno a ricevere questa indennità giornaliera di attesa "straordinaria" fino all'inizio delprocesso di integrazione. In tutti gli altri casi, l'art. 18 cpv. 1 OAI è nuovamente applicato, in modo che il diritto all'indennità di attesa sussista esclusivamente prima di une prima formazione professionale o una riformazione professionale.

Per le interruzioni di un provvedimento d'integrazione dovute a malattia, infortunio o maternità, le assenze saranno nuovamente registrate secondo l'art. 20quater OAI a partire dal 1° luglio 2021; ciò significa che i giorni di assenza saranno contati di nuovo rispettivamente da zero.Le assenze per quarantena saranno trattate allo stesso modo delle assenze per malattia, incidente o maternità.

Consegna di mezzi ausiliari

Le regole abituali valgono con effetto immediato.

Importi forfettari per la trasferta per protesi, ortesi e fornitura di carrozzelle

Si applicano con effetto immediato le regole abituali.

Riparazioni di protesi, ortesi e carrozzelle

Si applicano con effetto immediato le regole abituali.

Cani guida per ciechi

Le scuole di cani guida per ciechi potranno riprendere l’attività, a determinate condizioni, dalla fine di aprile, d’intesa con lo stato maggiore di crisi cantonale o l’autorità competente del Cantone interessato. I controlli effettuati dagli esperti dell’AI per la coppia persona assicurata-cane dopo il completamento della fase d’introduzione (N. 2107 CMAI) potranno riprendere dal mese di giugno. Da allora gli uffici AI potranno concedere nuovamente cani guida per ciechi.

Apparecchi acustici

La richiesta di una perizia otorinolaringoiatrica è possibile già dal 27 aprile 2020.

Cura e assistenza

Assegno per grandi invalidi e supplemento per cure intensive e riduzione del servizio di cure a domicilio

Si applicano con effetto immediato le regole abituali.

Contributo per l'assistenza

A partire dal 1° luglio, tutte le regole  peciali adottate in seguito alla pandemia nell’ambito del contributo per l’assistenza sono soppresse.

Informazioni per le persone con disabilità

Dove possono le persone con disabilità ottenere informazioni sul nuovo coronavirus?

Le informazioni più importanti sul nuovo coronavirus sono disponibili anche in lingua facile e in lingua dei segni.

Ultima modifica 16.08.2021

Inizio pagina

https://www.bsv.admin.ch/content/bsv/it/home/assicurazioni-sociali/iv/grundlagen-gesetze/iv-corona.html