Per una migliore integrazione delle persone in situazione di disabilità nel mondo del lavoro

Berna, 26.01.2017 - Il consigliere federale Alain Berset ha dato il via oggi alla «Conferenza nazionale per l’integrazione delle persone disabili nel mercato del lavoro». Il suo scopo è raggiungere una maggiore integrazione nel mondo del lavoro delle persone in situazione di disabilità. A tale scopo, i partecipanti elaboreranno un piano direttore entro la fine del 2017. Il primo dei tre incontri servirà innanzitutto a definire le principali necessità d’intervento.

Nel suo discorso di apertura, il consigliere federale Alain Berset ha detto che la solidarietà vissuta in Svizzera esige l’integrazione di tutte le persone. Affinché le persone in situazione di disabilità possano partecipare alla vita professionale, non basta fornire sostegno, si devono anche abbattere gli ostacoli esistenti nel mondo del lavoro. L’integrazione nel mondo del lavoro è un vantaggio per i diretti interessati, per l’economia e per la società nel suo insieme e in quanto tale è un compito di politica sociale.

Definire le necessità d’intervento e confermare la volontà di agire

La Conferenza nazionale si svolgerà sull’arco del 2017 e sarà suddivisa in tre tappe. Nel quadro del primo incontro si dovranno definire le principali necessità d’intervento e verrà approvata una dichiarazione d’intenti comune. Durante il secondo appuntamento, che si terrà il 18 maggio, si esamineranno possibili misure. In occasione dell’ultimo incontro, previsto il 21 dicembre, verrà infine approvato un piano direttore.

Alla conferenza partecipano i principali attori coinvolti nell’integrazione professionale delle persone in situazione di disabilità nel mercato del lavoro, ovvero: le persone in situazione di disabilità, le associazioni dei disabili, i datori di lavoro e i sindacati, i medici, gli specialisti attivi negli ambiti della scuola e della formazione, i responsabili della Collaborazione interistituzionale, l’AI e altre assicurazioni, le autorità cantonali nonché gli uffici federali. La «Conferenza nazionale per l’integrazione delle persone disabili nel mercato del lavoro» è organizzata dal Dipartimento federale dell’interno su incarico del Parlamento.

Il lavoro al centro di ulteriori progetti

La Confederazione promuove l’integrazione professionale delle persone con un danno alla salute anche nel quadro di altri progetti in corso a livello federale: la riforma «Ulteriore sviluppo dell’AI» è tesa ad agevolare l’integrazione nel mercato del lavoro. La politica della disabilità della Confederazione dovrà essere maggiormente orientata al mondo del lavoro. Al riguardo, l’11 gennaio 2017 il Consiglio federale ha preso atto di un rapporto del DFI che mostra come il principio delle pari opportunità possa essere introdotto in tutti gli ambiti della vita e promosso in particolare nel mondo del lavoro. L’Ufficio federale per le pari opportunità delle persone con disabilità (UFPD) avvierà in tal senso il programma tematico «Pari opportunità e lavoro» per abbattere gli ostacoli nel mondo del lavoro. Infine, come la «Conferenza nazionale per l’integrazione delle persone disabili nel mercato del lavoro», anche l’«Iniziativa sul personale qualificato» affronta la questione di come si possano sfruttare meglio le potenzialità dei lavoratori.

La dichiarazione comune verrà pubblicata, nella sua versione finale, sul sito Internet della «Conferenza nazionale per l’integrazione delle persone disabili nel mercato del lavoro». 


Indirizzo cui rivolgere domande

Settore Comunicazione UFAS
tel. +41 58 462 77 11
kommunikation@bsv.admin.ch



Pubblicato da

Ufficio federale delle assicurazioni sociali
http://www.ufas.admin.ch

https://www.bsv.admin.ch/content/bsv/it/home/pubblicazioni-e-servizi/medieninformationen/nsb-anzeigeseite-unter-aktuell.msg-id-65402.html