Ambito Assicurazione invalidità

L'Ambito AI è l'organo di gestione strategica e di vigilanza dell'assicurazione invalidità. Il suo obiettivo precipuo è quello di dare all'AI un'impostazione e una gestione tale da permetterle di garantire l'esistenza alle persone con un danno alla salute e di integrarle nella società. Esso è raggiunto quando il maggior numero possibile di persone con limitazioni di salute è integrato nel mondo del lavoro o è in grado di rimanervi. Il compito principale per l’AI è di portare sostegno a queste persone perché possano conservare il loro posto di lavoro o ritrovarne uno. Nei casi in cui ciò non fosse possibile l'AI sopperisce a un'eventuale perdita di guadagno accordando prestazioni in denaro.

Per conseguire i suoi obiettivi l'Ambito AI collabora strettamente con gli organi esecutivi cantonali e cura i contatti con le organizzazioni private di aiuto agli invalidi.

Elabora le basi per lo sviluppo dell'orientamento strategico, la legislazione e l'esecuzione dell'assicurazione all'attenzione della direzione dell'Ufficio, del Consiglio federale e del Parlamento. Esercita la vigilanza sugli uffici AI per quanto riguarda le questioni procedurali, l'accertamento del diritto ai provvedimenti d'integrazione e la valutazione del grado d'invalidità ed emana le direttive necessarie. Regola gli importi da rimborsare e versa sussidi alle organizzazioni private di aiuto agli invalidi.

Responsabile: Florian Steinbacher

Stato maggiore

Lo Stato maggiore coordina e garantisce l’esecuzione efficace e uniforme dell’AI su tutto il territorio nazionale. Questo include l’organizzazione e la pianificazione dei colloqui annuali per la preparazione delle convenzioni sugli obiettivi tra il capo dell’Ambito e gli uffici AI, la comunicazione con gli uffici AI nonché l’emanazione di istruzioni destinate agli organi di esecuzione. 

Lo Stato maggiore è anche responsabile per la collaborazione interdipartimentale nei gruppi di lavoro della SECO, della SEFRI, della SEM e dell’UFSP nonché con le conferenze cantonali (CDOS, CDS, CDPE). Lo Stato maggiore risponde inoltre annualmente a circa 600 lettere di cittadini concernenti l’AI e si occupa del programma di ricerca sull’AI (PR-AI) in collaborazione con l’Ambito MAS. 

Tra gli ambiti di competenza dello Stato maggiore figurano pure la gestione interna della qualità, il sistema di controllo interno e la gestione dei rischi.

Responsabile: Doris Lüthi

Settore Integrazione professionale

Il settore Integrazione professionale sviluppa ulteriormente le prestazioni d’integrazione professionale come la consulenza (finalizzata all'integrazione), il rilevamento tempestivo, i provvedimenti di reinserimento e i provvedimenti professionali (formazione professionale e collocamento), nonché l'intero processo di integrazione professionale dell'AI. Le questioni e le tendenze della politica sociale, economica e sociataria vengono analizzate in collaborazione interistituzionale con le parti interessate (ad es. SEFRI, SECO e SEM). Nuovi approcci all'integrazione delle persone con limitazioni di salute possono essere esaminati nell'ambito di progetti pilota ai sensi dell'art. 68quater LAI o di convenzioni di collaborazione con associazioni del mondo del lavoro (art. 68sexies LAI).

Inoltre, il settore Integrazione professionale è responsabile della sorveglianza - gestione e controllo – degli organi esecutivi cantonali in materia di integrazione professionale, al fine di garantire, per quanto possibile, pari diritti agli assicurati in tutta la Svizzera, senza trascurare le esigenze individuali delle persone interessate. Egli analizza regolarmente le cifre chiave (finanziarie) e gli indicatori di risultato e approfondisce questioni specifiche con gli uffici AI.

Le conoscence acquisite nel corso dello sviluppo delle prestazioni d’integrazione professionale e delle attività di sorveglianza del settore vengono integrate nelle revisioni di leggi o ordinanze o portano ad adattamenti delle disposizioni, a seconda della necessità di regolamentazione. Le necessità d’intervento che non richiedono una regolamentazione vengono discusse in stretta collaborazione direttamente con gli organi esecutivi, in modo da migliorare costantemente le prestazioni di integrazione professionale e il processo di integrazione.

Caposettore: Monika Tschumi

Settore Prestazioni in natura e pecuniarie

Al Settore Prestazioni in natura e pecuniarie compete la gestione dell’elenco delle infermità congenite, la verifica della presa a carico di medicamenti o altri trattamenti non ancora approvati nei singoli casi. È inoltre responsabile per lo svolgimento delle trattative tariffali con i fornitori di mezzi ausiliari e di provvedimenti sanitari. Tra i suoi compiti di sorveglianza rientrano anche la rappresentanza dell’Ambito in seno alle commissioni tariffali e l’elaborazione delle istruzioni destinate agli uffici AI. 

Il Settore è pure competente per l’ulteriore sviluppo e la sorveglianza delle prestazioni pecuniarie (assegni per grandi invalidi, contributo per l’assistenza e spese di viaggio relative ai provvedimenti d’integrazione professionale).

Caposettore: Serge Brélaz

Settore Procedura e Rendite

Il Settore tratta le questioni e le problematiche relative alla procedura di accertamento degli uffici AI. Il Settore è inoltre competente per la vigilanza e la gestione strategica della procedura di esame del diritto alla rendita e della valutazione dell’invalidità ed elabora istruzioni all’attenzione degli uffici AI in questi ambiti tematici. 

In collaborazione con l’Ambito INT, coordina e tratta le questioni internazionali relative all’AI.

Il Settore si occupa anche dell’autorizzazione dei centri peritali e del conferimento dei relativi mandati e assicura una lotta uniforme ed efficace contro gli abusi assicurativi ai danni dell’AI. 

Caposettore: Ralf Kocher

Settore Legislazione e Diritto

Il Settore si occupa dello sviluppo della legislazione pertinente e cura gli affari parlamentari relativi all’AI. Elabora le modifiche delle disposizioni a livello costituzionale, legale e di ordinanza, prepara le risposte agli interventi e alle iniziative parlamentari, cura gli affari del Consiglio federale relativi all’AI e ne rappresenta gli interessi nei confronti degli altri uffici federali, in particolare nell’ambito delle consultazioni degli uffici sui loro progetti legislativi.

Tra i compiti del Settore rientrano anche la redazione di ricorsi e pareri all’attenzione del Tribunale federale nonché l’analisi delle sentenze emanate dai tribunali cantonali e dal Tribunale federale. All’interno dell’Ambito, il Settore offre consulenza giuridica sulle prestazioni dell’AI.

Caposettore: Cornelia Jorns-Ruchti

Settore Audit

Al settore Audit incombe verificare l’efficacia, la qualità e l’uniformità dello svolgimento delle mansioni attribuite agli uffici AI, e controllare se le disposizioni a livello federale vengano rispettate. Sulla base delle sue analisi, formula raccomandazioni per ottimizzare il sistema e i singoli uffici AI. Redige un rapporto all’attenzione degli uffici AI e dell’Ambito AI, sulla base del quale vengono poi definite le convenzioni sugli obiettivi con gli uffici AI. 

Il Settore svolge anche gli audit delle organizzazioni sovvenzionate in virtù degli articoli 74 LAI e 101bis LAVS.

Caposettore ad interim: Isabelle Arango

Settore Controlling, risorse, sussidi

In collaborazione con l’Ambito MAS, il Settore provvede a preparare, analizzare e mettere a disposizione – sia dell’Ambito AI che degli uffici AI – i dati dei controlling degli uffici AI, i dati del monitoraggio delle prestazioni dell’AI e gli indicatori di risultato. 

È responsabile anche per la gestione della codificazione delle prestazioni dell’AI.

Il Settore è inoltre competente per l’approvazione dei preventivi e dei conti degli uffici AI, che include la verifica e l’approvazione degli investimenti degli uffici AI nonché la sorveglianza degli acquisti pubblici da parte degli organi d’esecuzione. In seno all’UFAS, gestisce le finanze dell’Ambito AI.

Il Settore svolge inoltre un compito esecutivo concludendo contratti di prestazioni con organizzazioni private di aiuto agli invalidi che ricevono sussidi in virtù dell’articolo 74 LAI.

Caposettore: Thomas Bhend

 

Ultima modifica 18.06.2024

Inizio pagina